SCUSI, MANCA MOLTO PER IL GIAPPONE? DISAVVENTURE DI UN FERRARESE NEL SOL LEVANTE

15,00

di Davide Bassi
15×21, 144 pagine, b/n, brossura

ISBN 9788898002788

Disponibile su ordinazione

COD: 9788898002788 Categoria: Tag:

Descrizione

La necessità di un’integrazione culturale comporta inevitabilmente l’adozione di alcuni schemi di riferimento non unilaterali rispetto alle proprie origini: è necessaria una contaminazione capace di creare nuove sintesi che non siano il risultato di una semplice omologazione alla cultura ospitante.

Attraverso il confronto con regole e costumi apparentemente lontani nel tempo e nella geografia, Davide Bassi parte così per un viaggio tragicomico alla scoperta del Giappone.

Alla ricerca della genuinità necessaria per reinterpretare la propria visione del presente, annota le abitudini, i luoghi e le situazioni che vive giorno dopo giorno.

Come un provinciale tra milioni di altri provinciali, ci svela come accettare e comprendere una cultura sì diversa, ma anche ricca di contenuti e suggestioni.

E alla fine capisce una grandissima verità: integrarsi in una cultura differente non signifi­­ca dover rinunciare necessariamente alla propria identità. Specialmente per un ferrarese DOC.

Una guida di sopravvivenza indispensabile a chiunque intenda trasferirsi nel Sol Levante, per una vacanza di pochi giorni o per la vita.

Davide Bassi è ricercatore e professore aggregato in Paleontologia e Paleoecologia del Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra dell’Università degli Studi di Ferrara.

È docente del programma Erasmus dell’Università di Ferrara per gli accordi bilaterali con le Università di Granada e di Tübingen.

È stato più volte visiting Professor in Giappone presso il Tohoku Museum of Natural Sciences (Tohoku University, Sendai) e presso il Department of Earth and Planetary Sciences, Graduate School of Environmental Studies (Nagoya University, Nagoya).

Durante i suoi lunghi soggiorni in Giappone è diventato un appassionato viandante di viaggi lenti e consapevoli, percorrendo itinerari poco conosciuti al turismo di massa.